I'm a young adult living with haemophilia

Sono un ragazzo che vive con l'emofilia

Gli anni di transizione tra la fine dell'adolescenza e l'inizio della prima età adulta sono tra i più eccitanti e importanti della tua vita. Sei pronto per finire la scuola, uscire da casa e iniziare la vita come una persona forte e indipendente, lontano dalla tua famiglia e da dove sei cresciuto. Ma mentre tu cresci, crescono anche le responsabilità.

Per una persona che vive con l’emofilia, questa fase della vita è entusiasmante quanto snervante: oltre a tutte le grandi novità, devi anche pensare a come gestire la tua emofilia da solo. Ma stai tranquillo! Con il giusto supporto e le informazioni, il tuo viaggio nella giovane età adulta potrà essere altrettanto fantastico, avventuroso e spensierato, proprio come lo vuoi tu.

Sei tu il boss!

Diventando adulti, una cosa che cambia quando si tratta della tua emofilia è che devi affrontare maggiori responsabilità. Questo può galvanizzarti come anche spaventarti. Oltre a dover gestire le faccende quotidiane di un adulto, dovrai anche iniziare a gestire il tuo trattamento e la tua salute da solo. Compreso mantenere un dialogo continuo con il personale sanitario, partecipare ad appuntamenti, ordinare farmaci e conservare un registro dei trattamenti. All'inizio ti potrà sembrare arduo, ma con il tempo diventerà parte del tuo nuovo stile di vita, padroneggerai la routine con la stessa naturalezza con cui cucini!

Responsive banner
Liberarsi ed aprirsi

Trova il tuo modo


Avere l'emofilia per un adolescente o un giovane adulto è sfidante. Tutte le richieste, come attenersi ai piani di trattamento, alle iniezioni, agli stress sociali, alla pianificazione e alla pressione familiare, possono sembrare troppo. Ma non deve essere per forza negativo. La vita ora significa liberarsi, imparare a trovare l’equilibrio tra protezione e possibilità.

Apertura 


È comprensibile che tu non voglia alzarti e gridare della tua emofilia a un gruppo di amici o all'intera classe. Ma è anche importante ricordare che, a differenza dei tuoi primi anni di scuola, ora le cose sono diverse. I tuoi coetanei all'università o sul posto di lavoro sono probabilmente più maturi e comprensivi rispetto a quelli della tua infanzia e sono molto più propensi ad essere di supporto. Provaci!

Parliamo di sesso

Per prima cosa: il sesso, per chi vive con l'emofilia, è fantastico: proprio come per tutti. Detto questo, ci sono naturalmente alcune domande sul sesso in relazione alla tua condizione. Potrebbe non essere qualcosa che vuoi a discutere con i tuoi genitori, ma è importante parlarne con qualcuno con cui ti trovi a tuo agio, che può rispondere a qualsiasi domanda, come il tuo dottore o un altro membro del tuo team di assistenza.

Se hai preso una cotta per qualcuno di speciale e non sei sicuro di quando o come dirgli della tua emofilia, c'è una cosa molto importante da tenere a mente: dipende da te!

Fatti delle domande: lo vorresti sapere, se riguardasse l’altra persona? Se ne può parlare spontaneamente? Sarò in grado di spiegare le mie condizioni e rispondere a qualsiasi domanda possa avere?

Potrebbe non essere facile, ma il più delle volte l'approccio migliore è semplicemente sfatare miti e istruire il partner sull'emofilia, discutendo la tua particolare condizione e il piano di trattamento. Se valgono il tuo tempo, saranno comprensivi e solidali.

Il miglior consiglio in fatto di sesso ed emofilia lo puoi trovare nella tua rete di emofilia, online o di persona, qualcuno con qualche anno più di te. Chiedi loro come hanno gestito la situazione quando avevano la tua età. È probabile che saranno più che felici di condividere la loro saggezza!

Clicca qui e scopri di più sulle possibilità di una vita oltre l’emofilia.

Sono un ragazzo che vive con l'emofilia

Gli anni di transizione tra la fine dell'adolescenza e l'inizio della prima età adulta sono tra i più eccitanti e importanti della tua vita. Sei pronto per finire la scuola, uscire da casa e iniziare la vita come una persona forte e indipendente, lontano dalla tua famiglia e da dove sei cresciuto. Ma mentre tu cresci, crescono anche le responsabilità.

Per una persona che vive con l’emofilia, questa fase della vita è entusiasmante quanto snervante: oltre a tutte le grandi novità, devi anche pensare a come gestire la tua emofilia da solo. Ma stai tranquillo! Con il giusto supporto e le informazioni, il tuo viaggio nella giovane età adulta potrà essere altrettanto fantastico, avventuroso e spensierato, proprio come lo vuoi tu.

Sei tu il boss!

Diventando adulti, una cosa che cambia quando si tratta della tua emofilia è che devi affrontare maggiori responsabilità. Questo può galvanizzarti come anche spaventarti. Oltre a dover gestire le faccende quotidiane di un adulto, dovrai anche iniziare a gestire il tuo trattamento e la tua salute da solo. Compreso mantenere un dialogo continuo con il personale sanitario, partecipare ad appuntamenti, ordinare farmaci e conservare un registro dei trattamenti. All'inizio ti potrà sembrare arduo, ma con il tempo diventerà parte del tuo nuovo stile di vita, padroneggerai la routine con la stessa naturalezza con cui cucini!

Responsive banner
Liberarsi ed aprirsi

Trova il tuo modo


Avere l'emofilia per un adolescente o un giovane adulto è sfidante. Tutte le richieste, come attenersi ai piani di trattamento, alle iniezioni, agli stress sociali, alla pianificazione e alla pressione familiare, possono sembrare troppo. Ma non deve essere per forza negativo. La vita ora significa liberarsi, imparare a trovare l’equilibrio tra protezione e possibilità.

Apertura 


È comprensibile che tu non voglia alzarti e gridare della tua emofilia a un gruppo di amici o all'intera classe. Ma è anche importante ricordare che, a differenza dei tuoi primi anni di scuola, ora le cose sono diverse. I tuoi coetanei all'università o sul posto di lavoro sono probabilmente più maturi e comprensivi rispetto a quelli della tua infanzia e sono molto più propensi ad essere di supporto. Provaci!

Parliamo di sesso

Per prima cosa: il sesso, per chi vive con l'emofilia, è fantastico: proprio come per tutti. Detto questo, ci sono naturalmente alcune domande sul sesso in relazione alla tua condizione. Potrebbe non essere qualcosa che vuoi a discutere con i tuoi genitori, ma è importante parlarne con qualcuno con cui ti trovi a tuo agio, che può rispondere a qualsiasi domanda, come il tuo dottore o un altro membro del tuo team di assistenza.

Se hai preso una cotta per qualcuno di speciale e non sei sicuro di quando o come dirgli della tua emofilia, c'è una cosa molto importante da tenere a mente: dipende da te!

Fatti delle domande: lo vorresti sapere, se riguardasse l’altra persona? Se ne può parlare spontaneamente? Sarò in grado di spiegare le mie condizioni e rispondere a qualsiasi domanda possa avere?

Potrebbe non essere facile, ma il più delle volte l'approccio migliore è semplicemente sfatare miti e istruire il partner sull'emofilia, discutendo la tua particolare condizione e il piano di trattamento. Se valgono il tuo tempo, saranno comprensivi e solidali.

Il miglior consiglio in fatto di sesso ed emofilia lo puoi trovare nella tua rete di emofilia, online o di persona, qualcuno con qualche anno più di te. Chiedi loro come hanno gestito la situazione quando avevano la tua età. È probabile che saranno più che felici di condividere la loro saggezza!

Clicca qui e scopri di più sulle possibilità di una vita oltre l’emofilia.